Gli ebrei di Alessandria. Una storia di cinquecento anni, di Aldo Perosino

Il sintetico saggio di Aldo Perosino ripercorre le vicende della comunità ebraica di Alessandria dall’arrivo in città di Abramo figlio di Giuseppe Vitali de’ Sacerdoti nel 1490 sino all’epoca presente.
All’interno del libro è riportata una testimonianza della signora Alda Vitale che descrive la vita ed il clima della comunità ebraica della città di Alessandria dagli anni Trenta ad oggi: si tratta di un testo estremamente interessante e gradevole alla lettura.
Infine in appendice è fornita una descrizione del Tempio di Alessandria, attualmente non visitabile in quanto oggetto di lavori di restauro.
Arricchiscono il testo tabelle statistiche e fotografie. Al rigore storiografico si associa una rara leggerezza stilistica che rende il libro estremamente piacevole alla lettura.
Mancando nel panorama storiografico della provincia una storia degli ebrei alessandrini (mentre esistono pregevoli opere sugli ebrei di Acqui e di Casale) questa viene a colmare una lacuna e ad arricchire il quadro delle variegate radici della cultura del nostro territorio.

Il testo di cui anticipiamo tre capitoli è formato da una breve storia degli ebrei di Alessandria, dalla loro prima comparsa nel 1490 fino ai giorni nostri, da una descrizione storico-artistica del tempio di Alessandria e da una testimonianza di Ada Vitale, che è la “memoria storica” della comunità ebraica della città.

L’autore, Aldo Perosino, collaboratore dell’Istituto Storico, è noto in tutta la provincia, oltre che per la sua passata attività di insegnante, per la cura e l’intelligenza con cui ha condotto i suoi studi di tutta una vita sull’ebraismo.

L’esterno della sinagoga di Alessandria