Presentazione del n. 66 di Quaderno di Storia Contemporanea e Brindisi resistente

9 Dicembre 2019

Martedì 17 dicembre, alle ore 17, ad Alessandria, nella nostra sede di via Guasco 49, verrà presentato il numero 66 della nostra rivista semestrale “Quaderno di storia contemporanea”, edita grazie al contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria. A seguire il pubblico sarà invitato al nostro consueto Brindisi resistente, occasione per uno scambio di auguri conviviale in vista delle festività di fine anno. Vi aspettiamo!

“Donne e lavoro – Uomini in guerra”, si apre con  una proposta di riflessione sulla figura di Ignazio Gardella (Mariano Giacomo Santaniello),  cui segue  una prima sezione  dedicata al lavoro femminile nella seconda metà del Novecento, che viene analizzato da prospettive e esperienze diverse:  le donne in polizia (Alessandra Faranda Cordella, attuale Questore di Asti), il movimento femminista (Graziella Gaballo), la televisione (Roberto Lasagna), la fotografia (Tatiana Agliani).  Una seconda affronta invece il tema della guerra e del conflitto attraverso il Novecento, con un percorso che unisce la riflessione di Tolstoj (Cecilia Bergaglio), l’esperienza dei cattolici italiani nella prima guerra mondiale (Vittorio Rapetti) e la testimonianza in quel conflitto elaborata da un contadino delle nostre terre (Alberto Ballerino), la biografia di Piero Zanetti, antifascista ed esploratore (Franco Capozzi), per chiudersi con il conflitto nord-irlandese (Chiara Paola Iencarelli). Nella sezione Note e Discussioni ci si sofferma sulla riflessione sulla memoria offesa affidata da Primo Levi al primo capitolo di I sommersi e i salvati (Cesare Manganelli), e sulla “fine della storia” a trent’anni dalla caduta del muro di Berlino (Giorgio Barberis). Nella sezione Problemi e materiali didattici si ricostruisce l’ultimo trentennio della didattica della storia in seno alla rete degli Istituti Storici della Resistenza (Luciana Ziruolo) e, a partire da un lavoro didattico, la biografia di Giacomo Gorrini, testimone del genocidio armeno (Fulvia Maldini).  Daniele Borioli, infine, nel centenario della nascita ricorda Nuto Revelli.

All’incontro, coordinato da Laurana Lajolo, interverranno alcuni autori, tra  cui  Alessandra Faranda  Cordella, Questore di Asti.