Ci ha lasciato il partigiano Giuseppe Merlo

16 December 2021

Bosio piange il partigiano Giuseppe Merlo, uno degli ultimi superstiti del rastrellamento della Benedicta, mancato ieri a cento anni. Due settimane fa era deceduto il fratello Mario, di due anni più giovane, anch’egli partigiano. Giuseppe Merlo era stato fondatore di uno dei primi gruppi di “ribelli” dell’entroterra genovese: la cosiddetta “banda di Voltaggio”, perché composta, oltre che di alcuni prigionieri di guerra, di giovani della zona. Della banda facevano parte Giuseppe Merlo (nome di battaglia “Merlo”), suo fratello Mario (Brontolo) e Tommaso Merlo (Puni).

Da quel gruppo era poi nata la Brigata autonoma “Alessandria”. Sfuggito al rastrellamento dell’ aprile 1944, Giuseppe Merlo aveva continuato a combattere nelle formazioni di Giustizia e Libertà (8° Divisione GL, 1° Brigata), partecipando  alla liberazione del forte di Gavi.

Nel dopoguerra aveva contribuito alla nascita del comune di Bosio, sino ad allora frazione di  Parodi Ligure, e aveva partecipato alla vita politica nelle file del Partito socialdemocratico: era stato consigliere regionale in Liguria dal 1975 al 1995 e assessore regionale all’Ambiente dal 1980 al 1994.

I funerali si svolgeranno domani, 17 dicembre 2021, alle 15, nella chiesa parrocchiale di Bosio.