In ricordo di Giuseppe Gallinotti

14 October 2021

In questi giorni ci ha lasciato Giuseppe Gallinotti, ferroviere, macchinista, per molti anni delegato della FILT- CGIL di Alessandria, socialista. Ha attivamente collaborato al giornale della Camera del Lavoro provinciale “Lotte Unitarie” e alle attività del Circolo “F. Santi” dei socialisti della CGIL. Una volta in pensione si è impegnato nel sindacato dei pensionati della CGIL e ha prestato attività volontaria presso il nostro Istituto.

Vogliamo ricordarlo con una sua poesia in dialetto alessandrino, dolcemente ironica.

I RE MAGG

Ma a l’è ancura longa?

A suma squasi rivà?

I pé titt na piaga!

Al camèl strasiuà!

S’j’èisa savì a so nenta s’amniva

A j’ó nent dacc da ment

La regina l’al diva!

A l’è in meis ch’a curuma adrera a sa steila

In mument a l’è in su, peina dòp na candeila

Ancura ‘na strëpa, fa nenta u nuius

s’a rivuma a truvèl adventuma famus!

I san tücc chi ca suma. S’um avghijsa me pari

Im fan fè la reclam du turon ad Sperlari.

Al’ó vist ant’in sògn sa ch’ajuma da fè

‘msò ca vagu an snungion ad’adurè u re di re.

U sas ‘ciama Gesù. A l’è in bel fanciuten

So mama Maria so papà Giusipen

Se us pudijs fè cuccòs per ijetè sa masnà

U dev fè tònc miracu e caries tücc i pcà.

Al pudiva fè u siur , ant’la vita piè u dus

L’à ausì nasi ant’na stala e murì po ans na crus!

‘duma drera ai pastur

lur i san sa ch’is fan

sensa fela tant longa

i jan cunzì u Salvadur.

I RE MAGI

Ma è ancora lunga ? Siamo quasi arrivati? / Ho i piedi tutti piagati, il cammello sudato / Se avessi saputo non so se venivo / Non le ho dato retta, la regina lo diceva / E’ un mese che corriamo dietro a una stella / Un momento è un sole, appena dopo una candela / ancora uno sforzo, non fare il noioso / se riusciamo a trovarlo diventiamo famosi / Sapranno tutti chi siamo / Se mi vedesse mio padre! / Ci fanno fare la pubblicità del torrone Sperlari / l’ho visto in un sogno che cosa dobbiamo fare / dobbiamo andare in ginocchio ad adorare il Re dei Re / Lui si chiama Gesù E’ un bel bambino / Sua madre Maria suo padre Giuseppe / Se si potesse fare qualcosa per aiutare quel bimbo / dovrà fare tanti miracoli e caricarsi di tutti i peccati / poteva fare il signore prendere il dolce della vita / ha voluto nascere in una stalla e morire su una croce ! / Andiamo dietro ai pastori / loro sanno cosa fare / senza farla tanto lunga / hanno riconosciuto il Salvatore.