COMUNICATO SULL’INTITOLAZIONE TOPONOMASTICA A GIORGIO ALMIRANTE

17 August 2021

Nei giorni scorsi la Commissione consiliare Toponomastica della Città di Alessandria ha approvato con voto a maggioranza l’indicazione di intitolare una via a Giorgio Almirante. Questa scelta è ricaduta su una figura politica assai controversa del recente passato del nostro Paese: fascista militante e consapevole in gioventù, redattore del periodico “La difesa della razza” e convinto sostenitore delle vergognose leggi razziali del 1938, a partire dal 1943 aderente alla R.S.I. – Repubblica Sociale Italiana svolgendo funzioni apicali sia dal punto di vista militare che di governo, si distinse come persecutore indefesso e fucilatore di partigiani e combattenti per la libertà, nell’immediato Dopoguerra fu fondatore e dirigente di primissimo piano del Movimento Sociale Italiano, partito che affondava, dichiaratamente e senza remore, le proprie radici politiche e culturali nei principi e nei valori dell’ideologia fascista. Almirante non solo non manifestò mai prese di distanza o di revisione nei confronti di queste sue posizioni “giovanili”, ma anzi le rivendicò, con malcelato orgoglio, avendo peraltro, nel corso del suo intero percorso politico, atteggiamenti spesso di scarsa trasparenza se non di comprensione e connivenza con alcune delle frange più estreme e violente del mondo della destra radicale e neofascista italiana. L’ISRAL, Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea in provincia di Alessandria “Carlo Gilardenghi”, da anni è chiamato a svolgere una funzione di consulenza e supporto storico-scientifico presso la Commissione consiliare Toponomastica della Città capoluogo. Questo ruolo ha, correttamente, funzioni meramente consultive privo di diritto di voto. Il nostro rappresentante in seno alla Commissione durante la discussione che si è sviluppata in seno alla Commissione e che è durata alcune sedute, ha ripetutamente e reiteratamente manifestato il nostro dissenso affinchè si giungesse ad un’intitolazione toponomastica celebrativa della figura di Almirante spiegandone le ragioni di ordine storiografico e documentario che sostenevano e supportavano tale indicazione. Nonostante ciò  la Commissione ha deciso in maniera differente e a stretta maggioranza, peraltro dividendo, con sfumature e posizioni differenti, anche le componenti che costituiscono l’attuale maggioranza consiliare. La scelta definitiva spetta ora al signor Sindaco, alla sua Giunta comunale e all’Amministrazione Comunale nel suo complesso. Per queste ragioni l’ISRAL, Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea in provincia di Alessandria “Carlo Gilardenghi”, con i suoi organi di governo, di direzione e operativi, fa appello alla sensibilità del Sindaco e dell’Amministrazione della Città di Alessandria affinchè non si dia seguito ad un’ipotesi così divisiva, evitando in tal modo di recare oltraggio all’intera Comunità alessandrina, alla storia della Città e alle sue note e consolidate tradizioni democratiche e antifasciste, così come a quelle di un intero territorio provinciale, territorio che stato insignito, dal Presidente della Repubblica Italiana, di Medaglia d’oro al Valor Militare proprio per il suo contributo alla lotta di Liberazione e contro il regime mussoliniano.

Mariano Santaniello

Presidente Isral