Le sfide del presente e le potenzialità dell’Educazione Civica – Seminario online

21 Ottobre 2020

Il 22 ottobre 2020 si svolgerà, dalle 15 alle 17, in modalità a distanza, un seminario organizzato dall’Ufficio Scolastico Regionale del Piemonte, da Istoreto, con la collaborazione della rete degli Istituti piemontesi e dell’Istituto nazionale “Ferruccio Parri”, dal titolo Le sfide del presente e le potenzialità dell’Educazione Civica .

Nel nostro Paese – durante il confinamento e il necessario ricorso alla DaD dovuti all’epidemia di Covid -19 – si sono svolte discussioni sui limiti di una didattica talora ancora attardata su modelli trasmissivi che trascurano il coinvolgimento attivo degli allievi e non considerano i vantaggi delle forme di valutazione partecipata. Da quest’anno, pur nelle difficili condizioni della riapertura, viene ad aggiungersi una materia curricolare che, nelle descrizioni delle sue Linee Guida, vuole presiedere alla costruzione di un ethos di cittadinanza incentrato sull’esercizio di virtù civiche e, insieme, di competenze risultanti da progetti e compiti di realtà realizzati nella vita scolastica e al di fuori di essa. Una meta resa ancor più necessaria dall’attuale contingenza. Diverse le domande e i necessari approfondimenti che si accompagnano alla sua introduzione, a partire dai quesiti relativi alla sua collocazione nei curricola e alla proposta sua “trasversalità” tra aree disciplinari, per approdare poi al rapporto con le esperienze condotte in 11 anni di Cittadinanza e Costituzione: un’eredità da far fruttare per giovarsi della riflessione che tale insegnamento ha comportato sulle competenze in gioco e sui possibili indicatori di successo a cui mirare, ancora largamente incompleti.

Il seminario ha lo scopo di approfondire le caratteristiche della nuova disciplina, e di illustrare le proposte didattiche e di formazione proposte dagli Istituti piemontesi. Sarà anche presentato il progetto a cura dell’Isral: Il gioco delle regole, le regole del gioco, che sarà successivamente proposto agli insegnanti della provincia di Alessandria.