La Camera del Lavoro di Alessandria dalle origini alla prima guerra mondiale

18 Dicembre 2003

Sorto nel gennaio 1901 dopo una lunga e intensa fase preparatoria,
l’Istituto sindacale alessandrino si colloca in quel processo di
ripresa dell’organizzazione operaia che segnò in Italia gli anni
successivi alla dura repressione del 1898.
La vicenda della Camera del Lavoro si intreccia strettamente con
la storia della città e con quella del socialismo alessandrino. Alessandria fu infatti la prima città ad essere guidata, proprio all’aprirsi del Novecento, da una giunta socialista che resse quasi ininterrottamente il municipio sino all’avvento del fascismo. Questo libro ripercorre dunque anche la storia della città e del socialismo alessandrino, analizzati attraverso la ricostruzione del percorso, a volte irto di difficoltà, attraverso cui prende corpo una Camera del Lavoro attiva non soltanto sul terreno delle lotte sindacali, ma anche sui temi dell’acculturazione popolare, della socialità, della difesa dei diritti e, proprio in virtù dello stretto legame tra Istituto sindacale e Partito socialista, sui principali problemi della politica e dell’amministrazione della città.
In queste pagine la storia dell’organizzazione operaia alessandrina
si dispiega dalle origini all’inizio della prima guerra mondiale,
e attraversa episodi e momenti decisivi della storia del proletariato
italiano, ma anche vicende specifiche e peculiari del contesto
socioeconomico della città di Alessandria e della provincia.