I lizaró

1 Settembre 2001

I lizaró

Lasa ra barca andè, lasa ch’ra vaga

vaga sirchè ’r filon, lavè ra piaga

zleia ’r burcé che ’r vaga a ra deriva

sirchè di lizaró contra ra riva.

Cul ventiseing d’avrì, dòp l’ot setèimber

eveint sculpì ’n memòria, dì ’d remèimber

i lizaró ’d na nocc dra stèila zmòrta

di nòcc vent ani pèrs, na stagion mòrta.

Perché l’amnì, pasà, t’al serchi ancura?

Lasa i ricòrd ch’i vagu a ra malura

cme ’r sabii, rivi e pianti long a Tani

libara ’r cor da cui fantasma vani.

Credivu ’d cambiè ’r mond finì ra uèra

uardès ant j’ogg, noi viv, fió d’ista tèra,

smijava ’r vial di ’namurà ra vita

patuì coi mòrt, u su, ra len-na mita.

Ribèlli ar legg, ’d padron, du sang, der larmi

a cul mond faus, di fòl, viulèinsa, armi

cantoma au su a ra len-na fin ch’im s-ciaru

ai gril e l’univèrs, di sògn s’i varu.

Tani ven zì, l’amnì, ra barca è a riva,

u tèimp smijava tant, dl’aqua n’amniva

pèrsa luntan, va zì, nèbia ch’ra fima

aqua ch’an turna pi, fo che ’r cunsima.

Lasa ra barca andè ’nuanda ch’at pòrta

dai lizaró scumpars dra stèila mòrta,

vaga sirchè ’r filon uanda ch’ut mèina

dré u su, luntan, tramont sèinsa cadèina.

Nocc caudi, ’d lì, avust, der fòs con l’èrba,

i sògn sirchè ra len-na ch’ai rivèrba,

i lim di to vent’an ans ra curèinta

maznà, ’mnì vègg, l’anma j’anvèinta.

Lim, lizaró , ’d na nocc aulong a Tani,

apuntamèint mancà, spicià quancc ani,

sògn vis-c, sògn zmòrt, zbarlìuri, ’t ciapi nèinta

cul stèili che maznà t’ài pèrs ra quèinta.

 

Le lucciole

Lascia la barca andare, lascia che vada

vada a cercare il filone, lavare la piaga

slega il burchiello, vada alla deriva

cercare lucciole contro la riva.

Quel venticinque aprile, dopo l’otto settembre

evento scolpito in memoria, giorno da rimembrare

le lucciole di una notte della stella spenta

dei nostri vent’anni persi, stagione morta.

Perché l’avvenire, passato, lo cerchi ancora?

Lascia i ricordi andare alla malora

come le sabbie, le rive e le piante lungo il Tanaro

libera il cuore da quei fantasmi vani.

Credevamo di cambiare il mondo finita la guerra

guardarci negli occhi, noi vivi, figli di questa terra

sembrava il viale degli innamorati la vita

un patto coi morti, il sole, la luna muta.

Ribelli alle leggi, di padroni, del sangue, delle lacrime

a quel mondo falso, di folli, violenza, armi

cantiamo al sole e alla luna fin che ci vedono

ai grilli e all’universo, dei sogni, se valgono.

Tanaro vien giù, l’avvenire, la barca è a riva

il tempo sembrava molto, acqua ne veniva

persa lontano, scorre, nebbia che fuma

acqua che non torna più, fuoco che consuma.

Lascia la barca andare dove ti porta

dalle lucciole scomparse della stella morta

vada a cercare il filone dove ti trascina

dietro il sole, lontano, tramonto senza catena.

Notti calde, di luglio, agosto, del fosso con l’erba

i sogni a cercare la luna che li riverbera

le luci dei tuoi vent’anni sulla corrente

bambini, adulti, invecchiati, l’anima li inventa.

Luci, lucciole, di una notte lungo il Tanaro

appuntamento mancato, atteso quanti anni

sogni accesi, sogni spenti, scintille che non afferri

quelle stelle che bambino hai perduto la conta.