Il dovere della memoria. Conoscere la storia per capire il presente.

6 Aprile 1999

A Castelletto d’Orba, il 26 marzo, ne hanno discusso Roberto Botta, Andrea Foco e Daniele Borioli, coordinati da Federico Fornaro. La serata, che ha visto la partecipazione di un pubblico numeroso ed interessato, si è aperta con la lettura di alcune lettere di condannati a morte delle resistenza; a far da cornice generale e stimolo alla discussione è stata poi la comunicazione di Roberto Botta, dedicata al pericolo di manipolazione del passato che la perdita di memoria storica porta con sé (Botta ha portato vari esempi tratti dalla storia dell’ultimo secolo). Intorno a questo nucleo di riflessione si sono distesi gli interventi degli altri relatori, e del coordinatore Federico Fornaro: Daniele Borioli, vicepresidente del consiglio provinciale, ha sottolineato proprio la necessità di approfondimento storico che la drammatica situazione bellica, allora in corso, porta con sé, mentre Andrea Foco, vicepresidente del Consiglio Regionale, ha ricordato l’impegno delle istituzioni regionali nella promozione del Comitato per la difesa dei valori della Resistenza e della Costituzione, segno tangibile di un impegno a conservare ed approfondire l’esperienza storica che è alla base del vivere democratico nel nostro Paese. Sulla stessa linea il contributo portato alla discussione da Giancarlo Subbrero: nei luoghi a forte densità storica le istituzioni devono più che altrove farsi carico di tutelare e proteggere il patrimonio di memoria sedimentatosi nel tempo. Il riferimento è al nuovo Centro di Documentazione sulla Resistenza, inaugurato pochi giorni dopo ad Ovada.

L’incontro è stato organizzato dal nostro Istituto in collaborazione con l’Associazione “Insieme per Castelletto”