Esperienze per un anno di scuola

17 Novembre 2007

Anche quest’anno nel catalogo  del Comune di Alessandria “Esperienze per un anno di scuola” sono presenti due progetti  dell’Isral.

Proposte Scuola del Comune di Alessandria:

– LA CITTADINANZA AL FEMMINILE. I DIRITTI DIMEZZATI.
(classi terze della scuola media, quinquennio scuola superiore)

Lo scopo è di avvicinare i ragazzi alla conoscenza della Costituzione e di riflettere su come, ancora oggi, siano spesso ancora le donne a subire discriminazioni sul piano dei diritti,sia nella sfera pubblica (diritto al lavoro e accesso alle cariche pubbliche) sia nella sfera privata (diritto di famiglia) nonostante la precisa legislazione in proposito. Il progetto utilizza svariati tipi di fonti per far conoscere da un lato cosa prevede la legislazione e far comprendere ciò che al contrario avviene.

– LE VIE DELLA PACE
(classi terze della scuola media, quinquennio scuola superiore)

La nostra Costituzione ripudia esplicitamente il ricorso alla guerra come mezzo di risoluzione dei conflitti internazionali. Il progetto si propone di far riflettere gli studenti su come nel secolo scorso e anche ora siano avvenute e avvengano sanguinosi conflitti spesso dimenticati, perché erroneamente considerati contrasti locali che non interessano la comunità internazionale nel suo complesso. La cultura giovanile ha spesso proposto, con i suoi mezzi e spesso attraverso i suoi idoli, nuovi modi per risolvere i conflitti.

– UN PITTORE A DACHAU: ZORAN MUSIC E LA STORIA DEL NOVECENTO.
(classi terze della scuola media, quinquennio scuola superiore)

La lunga esperienza umana del grande artista recentemente scomparso, si snoda in Italia e in Europa e incrocia gli snodi più significativi ed emblematici del Novecento: la Seconda Guerra Mondiale, il “confine orientale”, la deportazione. Per collegare elementi così differenti fra di loro vengono utilizzate fonti diversificate (audiovisive, letterarie, storiche e artistiche)

I tre progetti utilizzano tutti la metodologia del laboratorio didattico: lezioni frontali, discussioni guidate, lavori di gruppo, strumenti multimediali e nuovi media, indicazioni per approfondimenti.

Proposte per l’innovazione didattica (Assessorato alle Pari opportunità-politiche giovanili e della famiglia)

– DI TERRA IN TERRA, DI NORMA IN NORMA
(classi terze della scuola media, quinquennio scuola superiore)

La proposta affronta il tema dei diritti nella Costituzione italiana (diritto alla cittadinanza,diritto al lavoro e accesso alle cariche pubbliche, diritto di famiglia) per stabilire confronti, incroci e approfondimenti con l’orizzonte legislativo dei ragazzi stranieri dei vari gruppi classe.

– GIOVANI E COSTITUZIONE
(scuola superiore)

La proposta consiste in un percorso sui giovani e la Costituzione condotto su fonti documentarie storiche, giuridiche, letterarie e autobiografiche, con esercizi graduati per difficoltà che comprendono variabili da selezionare, tabelle, domande a risposta chiusa e quesiti, volti a stimolare la riflessione sul protagonismo giovanile nella società odierna.

Proposte per L’educazione all’ambiente-per conoscere, decidere,vivere con consapevolezza a cura della Provincia di Alessandria.

– BENEDICTA SCUOLA DI PACE

Il progetto (destinato alle classi terze della scuola Media e alle classi della Secondaria Superiore) si articola in due momenti: dapprima è prevista una visita al nostro Istituto, dove con la guida di un nostro esperto, gli studenti potranno assistere alla proiezione di Benedicta 1944, l’evento e la memoria. Ciò potrà avvenire già nel Primo Quadrimestre dell’anno scolastico. In seguito, nei mesi di marzo, aprile e maggio, a seconda delle condizioni climatiche, sarà poi possibile organizzare una visita d’istruzione sui luoghi dell’eccidio, sempre con il supporto dei nostri esperti, articolandola in modo storico ( la mattina) e scientifico-naturalistico (il pomeriggio), a seconda delle necessità e degli obiettivi di apprendimento delle singole classi. Per questa seconda parte, come già è specificato nell’opuscolo, le spese di trasporto sono a carico della Provincia.