Settantasei anni fa, la Benedicta

6 Aprile 2020

A partire dal 7 aprile del 1944 e per parecchi giorni successivi si consumò il più tragico evento della Resistenza in provincia di Alessandria, la strage della Benedicta.
Quest’anno le circostanze eccezionali ci impediscono di stringerci tutti insieme in quel luogo attorno alla memoria dei tanti ragazzi caduti nel feroce rastrellamento.
Abbiamo pensato così di ricordarli in questa pagina, in cui vi proponiamo una serie di materiali per riflettere su quell’avvenimento e capirne le ragioni: crediamo infatti che studiare e comprendere sia il modo migliore di ricordare.

Nel nostro sito c’è un’intera sezione dedicata alla memoria di quell’evento, davvero esemplare di tutta la Resistenza, alessandrina, ligure e anche italiana. Studiandolo si possono infatti capire molti aspetti di quella temperie storica per tanti aspetti unica che fu la lotta di liberazione nazionale.
Cosa potete trovare in questa sezione? Innanzitutto le sintesi delle interviste ai testimoni dell’eccidio, opera davvero monumentale di Carlo Demenech, commissario politico del V Distaccamento della III Brigata Garibaldi “Liguria”, scampato al rastrellamento. Si tratta di ben 170 testimonianze (di varia estensione) rese negli anni ’70 del secolo scorso e poi sintetizzate dallo stesso Demenech.
Poi ci sono le fonti fotografiche: sono molti gli scatti, provenienti da diversi fondi del nostro archivio fotografico e raccolti insieme in questa sezione del sito, che testimoniano quell’evento. In questa sezione è possibile lasciare commenti alle foto che per qualche ragione vi hanno interessato e colpito: vi invitiamo caldamente a farlo, sarebbe un bel modo per fare comunità – anche se fisicamente separati – in occasione dell’anniversario.
C’è poi una pagina di ricostruzione storica e contestualizzazione dell’avvenimento. Fa parte di una più ampia sezione del nostro sito dedicata ai luoghi della memoria nella nostra provincia: la strage della Benedicta è appunto così calata in un contesto più ampio, che vi invitiamo ad esplorare.
Ma da quell’evento – come da ogni evento storico – possono prendere avvio anche altre direttrici di ricerca: alcune di esse sono suggerite nella sezione Approfondimenti. In essa trovate anche la ricostruzione dei processi intentati ai responsabili della strage in Italia e in Germania, con la possibilità di leggere online alcuni documenti giudiziari originali.
Infine, vi segnaliamo il sito dell’Associazione Memoria della Benedicta, l’ente che dal 2003 si propone di valorizzare i luoghi dell’eccidio e la memoria ad essi legata: in esso potrete conoscere le iniziative dell’associazione (molte in collaborazione col nostro Istituto) e trovare molte altre informazioni sull’eccidio.
Non vi abbiamo detto tutto per lasciarvi il piacere della scoperta e della sorpresa. Non ci resta dunque che augurarvi una buona e proficua navigazione e un buon anniversario della Benedicta.